fbpx

Aggregatore di News su #finanza, #fintech e mondo del #factoring

Regime forfettario: tutte le novità 2020

Paletti più severi per poter applicare la tassazione agevolata al 15% nella legge di Bilancio 2020. Resta il tetto di 65mila euro, ma tornano alcune limitazioni relative alle spese massime sostenibili nel corso dell’anno e alla compatibilità con il lavoro dipendente. Il sito delle piccole-medie imprese pmi.it ha messo in evidenza le caratteristiche fondamentali della misura sul regime forfettario inserita in manovra, che si accompagna alla cancellazione del nuovo regime agevolato con aliquota al 20% per le Partite IVA che ricavano fra i 65mila e i 100mila euro. Un’opzione, questa, prevista dalla Legge di Bilancio del 2019, con entrata in vigore 2020, e che invece viene eliminata.

La norma con la stretta sul regime forfettario è il comma 692 della manovra, che va a modificare il comma 54 dell’articolo 1 della legge 190/2014.

Il requisito fondamentale per applicare il regime forfettario restano ricavi o compensi fino a 65mila euro. Diventa però necessario che il contribuente non abbia sostenuto spese sopra i 20mila euro lordi per lavoro accessorio, lavoratori dipendenti, collaboratori. Dunque, una restrizione rispetto alla misura applicata nel 2019, che non prevedeva limiti alle spese per collaboratori.

Viene reintrodotto anche un nuovo paletto relativo alla possibilità di cumulare il regime forfettario con lo svolgimento di lavoro dipendente. Forfettario escluso per chi nell’anno precedente ha percepito redditi di lavoro dipendente o assimilati sopra i 30mila euro annui.

Riassumendo, ecco come cambiano dal 2019 al 2020 i requisiti di accesso al regime forfettario.

Non entrerà invece mai in vigore la nuova aliquota fiscale al 20% per le partite IVA fra 65mila e 100mila euro di ricavi. Come detto, la manovra elimina la previsione di legge che avrebbe fatto partire questa nuova tassazione dal prossimo gennaio.

C’è una novità per i forfettari che applicano la fatturazione elettronica: nel caso in cui emettano esclusivamente fatture elettroniche, il termine di decadenza per gli avvisi i di accertamento è ridotto di un anno, passando quindi da cinque a quattro. Quindi, le partite IVA in regime forfettario che emettono esclusivamente fattura elettronica possono ricevere avvisi di accertamento al massimo entro quattro anni.

Infine, un risvolto relativo al regime forfettario è contenuto nelle nuove misure Industria 4.0. Il super e l’iper-ammortamento applicati negli anni scorsi all’acquisto di macchinari, hardware e software, sono sostituiti da un credito d’imposta che è utilizzabile da tutte le Partite IVA, indipendentemente dal regime fiscale adottato. In pratica, quindi, anche i contribuenti in regime forfettario possono applicare il nuova credito d’imposta investimenti Impresa 4.0.