fbpx

Aggregatore di News su #finanza, #fintech e mondo del #factoring

Prelievo contanti, come evitare il controllo dell’Agenzia delle Entrate

Come vi abbiamo già raccontato, le cose sono molto cambiate negli ultimi tempi riguardo ai conti correnti. Da un lato le banche posso effettuare azioni senza preavviso, come chiudere i conti correnti in alcuni casi, dall’altro i costi dei conti sono aumentati enormemente.

Non solo. È diventato sempre più rischioso effettuare azioni sul proprio conto corrente senza essere “notati” dall’Agenzia delle Entrate.

È il caso ad esempio del prelievo di contanti. Le novità sono state introdotte dal Governo nell’ottica di rendere più tracciabili i movimenti, e quindi contrastare l’evasione fiscale.

Esiste un limite al prelievo di contante?

Iniziamo col dire che per i prelievi non esiste alcun limite imposto dalla normativa sull’antiriciclaggio. La legge vieta invece i trasferimenti di contanti per cifre pari o superiori a 3mila euro.

Questa norma, però, non si applica né ai prelievi né ai versamenti in banca visto che, in questo caso, la proprietà del denaro resta sempre in capo allo stesso soggetto (il correntista).

Cosa fare per evitare i controlli

Il limite al prelievo scatta per importi superiori a 12.500 euro: in questo caso, vige il divieto di trasferire somme di denaro senza un intermediario abilitato, come la banca, passaggio richiesto dalla normativa sull’antiriciclaggio. Quindi il consiglio è evitare di prelevare somme pari o superiori a questo limite.

Ma c’è un’ulteriore novità: con una recente modifica è stata prevista una segnalazione obbligatoria alla Uif (l’Unità di informazione finanziaria) da parte delle banche per tutti i prelievi superiori a 10mila euro nell’arco dello stesso mese. E ciò vale anche se si tratta di prelievi frazionati in più operazioni di importo inferiore, ad esempio 10 prelievi da mille euro. Anche in questo caso, quindi, meglio se dilazionate il prelievo in più mesi.

Precisiamo che la segnalazione viene fatta non per una questione fiscale ma per un controllo sulle attività illecite. Non finisce quindi all’Agenzia delle Entrate, ma potrebbe arrivare nelle mani della Procura della Repubblica, rientrando dunque dentro al perimetro delle segnalazioni per operazioni sospette (Sos).

Una volta che avete prelevato i vostri contanti, evitate di spenderli tutti insieme o trasferirli a un’altra persona se si tratta di importi pari o superiori a 3mila euro. Potreste invece conservarli a casa o utilizzarli per i vostri acquisti solo per spese più ridotte.

Cosa cambia dal 1 luglio 2020

Dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021, si abbassa il tetto all’uso di contanti a 1.999,99 euro. Non si potranno fare in contanti né pagamenti né prestiti né donazioni a partire da 2.000 euro in su, ma bisognerà optare per strumenti tracciabili come bonifici, assegni, carte di debito e carte di credito. Dal 1° gennaio 2022, il tetto si abbasserà ulteriormente a 1.000 euro.