fbpx

Aggregatore di News su #finanza, #fintech e mondo del #factoring

Coronavirus e blocco dell’Agenzia delle Entrate: cosa cambia

A cura di

Anche l’Amministrazione finanziaria corre ai ripari. Per il bene di dipendenti e privati cittadini sono state messe in atto una serie di misure volte a impedire gli accessi agli sportelli di pubblico servizio, bloccando anche versamenti e atti ispettivi. Vediamo con quali tempistiche e modalità.

L’emergenza in corso ha avuto pesanti ripercussioni nel mondo del lavoro, obbligando alla chiusura di diverse aziende. Anche l’Agenzia delle Entrate ha dovuto fare delle scelte molto drastiche per limitare il rischio di contagio da Covid-19.

Un primo passo era stato messo in atto il 23 febbraio 2020 quando lo sportello dell’Agenzia delle entrate di Codogno e di Riscossione di Lodi erano stati chiusi, in virtù dei primi allarmanti bollettini di aggiornamento sui contagi. Dato l’aggravarsi della situazione, il 12 marzo 2020 il direttore dell’Agenzia delle entrate Ernesto Maria Ruffini, in considerazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 marzo 2020, ha sospeso le verifiche, la riscossione e i contenziosi tributari, eccetto per le attività di imminente scadenza.

Un’ulteriore svolta è intervenuta con la pubblicazione del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020, che ha agito in due direzioni, limitando sia l’attività degli uffici degli enti impositori sia quella degli agenti della riscossione. Relativamente ai primi, sono stati sospesi dall’8 marzo al 31 maggio 2020 i termini relativi alle attività di liquidazione, controllo, accertamento, riscossione, contenzioso e risposta alle istanze di interpello. In merito a ciò, l’articolo 67 del succitato decreto fa una specifica non trascurabile al comma 4, chiarendo che, con riferimento ai termini di prescrizione e decadenza, si applica l’articolo 12 del decreto legislativo 24 settembre 2015, n. 159. La norma riguarda la sospensione dei termini per eventi eccezionali e chiarisce che “I termini di prescrizione e decadenza relativi all’attività degli uffici degli enti impositori, degli enti previdenziali e assistenziali e degli agenti della riscossione […] per i quali è stata disposta la sospensione degli adempimenti e dei versamenti tributari, che scadono entro il 31 dicembre dell’anno o degli anni durante i quali si verifica la sospensione, sono prorogati, […], fino al 31 dicembre del secondo anno successivo alla fine del periodo di sospensione”.

Che cosa significa? Dal momento che la pandemia in atto viene considerata un evento eccezionale, l’Agenzia delle entrate, per le pratiche le cui verifiche dovevano scadere il 31 dicembre 2020, potrà effettuare gli accertamenti fino a due anni dopo la naturale scadenza prevista per legge, ovvero al 31 dicembre 2022.

A seguire, l’articolo 68 del decreto c.d. “Cura Italia” si occupa della sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati agli agenti della riscossione. Nello specifico, sono stati differiti al 30 giugno 2020 i pagamenti che scadono tra il giorno 8 marzo 2020 e 31 maggio 2020, derivanti da:

  • cartelle di pagamento emesse dagli agenti di riscossione;
  • avvisi di accertamento emessi dall’Agenzia delle entrate relativi alle imposte sui redditi e alle imposte sul valore aggiunto;
    processi di riscossione dell’INPS, anche a seguito di accertamenti degli uffici, effettuati mediante la notifica di un avviso di addebito con valore di titolo esecutivo.
  • Inoltre sono state posticipate al 31 maggio 2020:

  • le rate scadute il 28 febbraio relative alla “Rottamazione-ter”;
  • le rate in scadenza il 31 marzo del “Saldo e stralcio”.
  • Per situazioni urgenti il contribuente ha modo di interfacciarsi con gli uffici competenti? La risposta è sì. Come chiarito nel sito dell’Agenzia entrate Riscossione, in caso di procedure esecutive e cautelari avviate prima del periodo di sospensione e non considerate differibili, è possibile utilizzare gli indirizzi di posta elettronica appena istituiti per le richieste improrogabili ed eccezionali.

    Per tutti gli altri casi, sono operativi i seguenti canali:

  • contact center di Agenzia delle entrate-Riscossione;
  • portale http://www.agenziaentrateriscossione.gov.it
  • App Equiclick.
  • Giulia Zanotto- Fisco 7

    Lo Speciale QuiFinanza sugli aiuti a imprese e lavoro

    Lascia un commento