fbpx

Crediti d’imposta per le imprese: come funziona nuovo iper e super ammortamento

Novità per gli imprenditori e per il sostegno finanziario agli investimenti delle imprese: arrivano con l’anno nuovo i nuovi crediti d’imposta che sostituiranno l’iper ammortamento e il super ammortamento e potranno finanziare anche gli investimenti delle imprese agricole. Tutto quello che bisogna sapere.

Il 2020 segna l’avvio dei nuovi crediti d’imposta per agevolazioni nell’acquisto di beni strumentali, tra cui quelli relativi alle nuove tecnologie, come il software, e anche l’acquisto di macchinari per l’attività agricola. Riguardo ai crediti d’imposta per gli agricoltori va precisato che potranno essere utilizzati in compensazione tramite modello F24, a prescindere dal regime fiscale applicato per la determinazione del reddito d’impresa. Pertanto gli imprenditori agricoli avranno a disposizione i nuovi iper e super bonus per compensare Iva, tributi locali e carico contributivo, oltre che le imposte dirette.

L’estensione dei crediti d’imposta agli investimenti in nuove tecnologie e beni strumentali agricoli è prevista nel disegno di legge della Manovra economica, Legge di Bilancio 2020, come approvato dalla Commissione Bilancio al Senato. Il testo deve ancora completare il suo iter parlamentare, ma per provvedimenti di questo tipo non dovrebbero esserci grossi cambiamenti, salvo sorprese dell’ultima ora.

I nuovi crediti d’imposta per il 2020, che sostituiranno l’iper ammortamento e il super ammortamento, prevedono i seguenti sgravi fiscali: per l’acquisto di trattori e macchine agricole è previsto un credito d’imposta del 6% del costo ammissibile dell’investimento per un massimo di 2 milioni di euro; per investimenti in servizi software e digitali è previsto un credito del 15% del costo dell’investimento per un massimo di 15.000 euro; per lo sviluppo di sistemi di precision farming e l’impiego di tecnologie satellitari il credito d’imposta è del 40% del costo dell’investimento fino a 2,5 milioni di euro e del 20% per la parte restante, fino a un massimo di dieci milioni di euro.

Per gli imprenditori si tratta di novità che avranno un impatto importante sulla loro attività. Chi vorrà utilizzare ancora il super e iper ammortamento ha a disposizione soltanto questi ultimi giorni dell’anno. Poi dal 2020 per le agevolazioni fiscali sull’acquisto dei beni strumentali all’attività d’impresa si applicheranno i nuovi crediti d’imposta.

Per quanto riguarda le imprese agricole, poi, la Manovra economica istituisce anche dei fondi per il finanziamento di investimenti in nuove tecnologie. Alla voce “green mobility” è previsto un fondo da 5 milioni di euro destinato agli investimenti innovativi delle imprese agricole in beni strumentali e potranno beneficiarne sia le imprese tassate a reddito agrario sia le attività che investono in software 4.0. Poi, un altro fondo da un milione di euro sarà utilizzato per incentivare le imprese agricole a dotarsi di sistemi di gestione avanzata, processi produttivi innovativi, blockchain per la tracciabilità dei prodotti. Questo fondo finanzierà contributi a fondo perduto fino al 35% della spesa ammissibile e mutui agevolati di importo non superiore al 60%.