fbpx

Aggregatore di News su #finanza, #fintech e mondo del #factoring

Scadenza IMU 2020 in arrivo, proroga ancora possibile (ma non per tutti)





Economy news della settimana: tutte le novità su IMU 2020, detraibilità spese sanitarie, partite Iva, lotteria scontrini e tanto altro

Il Governo ha sospeso o cancellato diverse imposte e tasse a causa dell’emergenza COVID-19 (e della conseguente crisi finanziaria che ne è venuta fuori), venendo così incontro alle esigenze e necessità di cittadini e imprese. Tra queste, però, non compare l’Imposta Municipale Propria (l’IMU, tanto per intendersi), che gli enti locali potranno così “reclamare” così come da calendario fiscale “standard”.

Nei vari decreti emessi da marzo in poi, infatti, l’IMU è stata sospesa solamente per le attività turistiche, mentre tutti gli altri soggetti passivi – privati cittadini e imprese – sono tenuti al pagamento dell’imposta entro il prossimo 16 giugno. E, vista la vicinanza della scadenza, appare improbabile che l’Esecutivo possa intervenire per rinviare questa scadenza fiscale, nonostante una richiesta in tal senso arrivi ormai da più parti.

Eppure c’è ancora una speranza per ottenere una proroga del pagamento della prima rata dell’Imposta Municipale Propria del 2020. Le Amministrazioni locali, infatti, possono scegliere di posticipare la scadenza, anche se non di moltissime settimane.

Rinvio prima rata IMU 2020: cosa possono fare le Amministrazioni Comunali

Come detto, la richiesta di rinvio dell’IMU 2020 è arrivata tanto da proprietari di seconde abitazioni quanto dalle attività commerciali e produttive che, altrimenti, si troverebbero a dover saldare la prima rata nel giro delle prossime 2 settimane. Il Governo, al momento, ha preferito non prendere decisioni in merito, demandando il tutto ai singoli comuni.

Le amministrazioni locali, nei limiti dell’autonomia regolamentare, possono infatti decidere di differire il pagamento delle imposte comunali. Una strada, quest’ultima, seguita da diversi Comuni e che ha ottenuto l’appoggio anche da parte dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani. Ovviamente, non si tratta di una cancellazione dell’Imposta, ma di un suo deferimento a tempi che, si spera, saranno migliori di quelli che viviamo oggi.

Rinvio prima rata IMU 2020: la proposta dell’ANCI

La Fondazione IFEL (Istituto per la Finanza e l’Economia Locale) dell’ANCI ha così predisposto uno schema di delibera con la quale le amministrazioni locali possono prevedere un differimento del pagamento della prima rata IMU solamente per le persone e le categorie maggiormente colpite dalla crisi economica.

Nella bozza, si ipotizza un rinvio al 30 settembre, data che consentirebbe di conciliare le esigenze dei cittadini/contribuenti con quelle delle amministrazioni locali.

Lascia un commento