fbpx

Aggregatore di News su #finanza, #fintech e mondo del #factoring

Tasse, ok a proroga pagamento Irpef ma con maggiorazione: cosa prevede il dl Agosto

È stata approvata la proroga del pagamento Irpef al 30 ottobre 2020: chi non ha versato il saldo relativo al 2019 entro il 20 agosto di quest’anno, quindi, avrà ancora tempo. Questo è quanto previsto dall’emendamento, approvato da maggioranza e opposizione, che verrà inserito nel decreto Agosto già a partire dalla prossima settimana.

Irpef, ok a proroga pagamento ma con maggiorazione: cosa prevede il decreto Agosto

Per andare incontro a chi, anche a causa della pandemia, non è riuscito a far quadrare i conti e a stare dietro a tutte le scadenze fiscali, il Governo ha deciso di riconoscere una proroga – al 30 ottobre 2020 come già detto – dei versamenti Irpef. Nello specifico, l’emendamento al decreto Agosto ha stabilito che verranno prorogati i versamenti fiscali per il saldo annuale Irpef del 2019, se a questi non si è adempiuto entro il 20 agosto (termine ultimo fissato per il pagamento).

I contribuenti che non hanno rispettato la scadenza, dunque, hanno ancora tempo di ravvedersi e regolarizzare la propria posizione fiscale. Il tutto, però, non a costo zero. Il pagamento oltre la data prevista, ma entro i termini fissati dalla proroga, comporta infatti il versamento di una maggiorazione dello 0,8%.

Versamenti Irpef: beneficiari e condizioni della proroga al 30 ottobre

La proroga al 30 ottobre del versamento a saldo dell’Irpef interesserà i seguenti contribuenti:

  • le partite Iva che sono anche soggetti ISA (ovvero adottano gli Indici sintetici di affidabilità fiscale);
  • i contribuenti forfettari, in regime agevolato.
  • Il decreto Agosto, inoltre, ha imposto una condizione specifica a questi soggetti: per beneficiare della proroga dovranno aver subito una perdita del fatturato pari al 33% rispetto agli incassi registrati nello stesso periodo lo scorso anno. Se, in paragone al 2019, hanno effettivamente avuto un calo, allora potranno beneficiare dell’estensione dei termini senza andare incontro a sanzioni e provvedimenti.

    La proroga delle scadenze fiscali 2020, come è facile intuire, nasce a seguito della crisi che hanno dovuto affrontare contribuenti e aziende a causa del Coronavirus. Non è la prima volta, difatti, che il Governo agisce in questo senso. Inizialmente, però, il termine fissato per il versamento dell’Irpef era il 20 luglio, poi si è deciso di spostarlo al 20 agosto (con una maggiorazione dello 0,4%) e solo adesso, anche a seguito delle proteste di commercialisti, è arrivata l’ultima proroga al 30 ottobre.

    Lascia un commento