fbpx

Isa e forfettari: rinviate le rate fiscali, il governo trova 3 miliardi

Arrivano 3 miliardi di maggiori entrate fiscali nel 2020. Il ministero dell’Economia annuncia che nel decreto legge fiscale, che sarà approvato, verrà fatta slittare la rata del pagamento dei contribuenti a cui si applicano gli Isa e i forfettari (dal 16 novembre 2019 al 16 marzo 2020).

In base agli ultimi dati di monitoraggio, spiega il Mef, ammonta a circa 10,7 miliardi di euro il gettito versato lo scorso 30 settembre dai contribuenti ai quali si applicano i due tipi di sistemi.

Nel complesso, a livello di pubblica amministrazione, le proiezioni 2019 dei risultati dell’autoliquidazione (comprensivi delle imposte sostitutive e delle compensazioni), elaborate sulla base dei versamenti del 30 settembre, mostrano per l’anno in corso uno scostamento positivo di 1.460 milioni di euro (circa 1,5 miliardi) rispetto alle previsioni su base annua incluse nella nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza.

Va segnalato che “lo scostamento positivo rappresenta una stima estremamente prudenziale del gettito atteso dai contribuenti che alla scadenza del 30 settembre hanno scelto di rateizzare il versamento (entro la scadenza del 16 novembre), ovvero di versare con una maggiorazione dello 0,4% il 30 ottobre (in unica soluzione o in due rate entro il 16 novembre)”, spiega il ministero.

“Con il differimento previsto nel decreto legge fiscale in procinto di essere varato dal Consiglio dei ministri al 16 marzo 2020 del pagamento della rata del 16 novembre 2019, si prevedono maggiori entrate nel prossimo anno per circa 3 miliardi di euro”, conclude il ministero.

In collaborazione con Adnkronos