fbpx

Aggregatore di News su #finanza, #fintech e mondo del #factoring

Reverse Factoring | E-book | Gestione del Capitale Circolante

Il nuovo contesto economico in cui le PMI sono chiamate ad operare e competere impongono all’area Amministrazione e Finanza di evolvere e dotarsi di strumenti per gestire con efficienza il ciclo finanziario dell’impresa. Oggi più che in passato quindi le imprese si devono porre l’obiettivo di rendere maggiormente efficiente il proprio Capitale Circolante, ovvero renderlo più veloce e meno costoso. 

Un’impresa oggi ha a disposizione tutta una serie di strumenti finanziari per sostenere la propria crescita, che vengono genericamente indicati come soluzioni di “Finanza Alternativa”. Secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano da luglio 2018 a giugno 2019 alle PMI italiane attraverso questi canali sono arrivati 3 miliardi di euro, rispetto ai 2,3 miliardi dell’anno precedente.

Il Reverse Factoring è una particolare forma di Factoring rivolta a quelle imprese che, per la natura della loro attività, operano con un elevato numero di fornitori. Gli attori coinvolti sono gli stessi del Factoring, in questo caso però l’impostazione è rovesciata: l’iniziativa parte dal debitore ceduto e la funzione del factor è quella di fornire assistenza nella gestione dei debiti di fornitura del buyer. Il reverse factoring, o factoring indiretto, è un particolare contratto di factoring che permette di smobilizzare i crediti di fornitura. Se nel “normale” factoring è il creditore a rivolgersi alla banca chiedendo l’anticipo sui crediti, nel reverse factoring è l’azienda debitrice che propone l’operazione di factoring. Il factor stipulerà una convenzione con tutti i fornitori coinvolti e potrà così anticipare i crediti di fornitura.

Iscriviti alla nostra News Letter per rimanere aggiornato:






Altre News

Lascia un commento